15/02/10

I giovedì della Signorina Wilson...

Certo tutto poteva essere detto tranne che quel Giovedì fosse stato il giorno fortunato della Signorina Wilson.
Si trovava a Crepuscolo e, come ogni Giovedì, il risveglio, ancorché brusco e repentino, era cominciato con il sorriso: era il giorno del rientro alla sua nuova casina in Via delle Nuove Avventure.

Tuttavia qualcosa, forse un piccolo sassolino, si era insinuato negli ingranaggi di quella giornata generando uno stato di malessere indefinito che lentamente, come fa l'acqua nel percorrere le trame di uno scottex, risaliva le gambe della Signorina Wilson, circuitava all'altezza dello stomaco e metteva il suo punto sulle sue tempie.


Questo gioco impazzito di sensazioni sgradevoli aveva raggiunto il suo apice morendo in una vertigine così forte da spegnerle lo sguardo e precipitare a terra nella toilette.


Da lì gli eventi furono i seguenti:

  1. visita e ricovero al pronto soccorso di Crepuscolo nel primo pomeriggio;

  2. flebo;

  3. ulteriore malore;

  4. perdita di conoscenza;

  5. puntura;

  6. perdita di conoscenza;

  7. partenza, forzata e necessaria, per Luminaria.

  8. arrivo a Luminaria e perdita di conoscenza in ascensore;

  9. ricovero immediato;

  10. pressione inesistente;

  11. flebo in ambulanza;

  12. 3 flebo in ospedale;

  13. il cuore ha qualcosa che non va;

  14. le analisi hanno numeri impazziti che seguono successioni ignote;

  15. altra flebo;

  16. ore di sonno azzerate;

  17. è mattino altra flebo;

  18. la pressione si alza un po' e questo permette alla Signorina Wilson di osservare il mondo da seduta;

  19. ecografia al cuore;

  20. nuove analisi;

  21. globuli bianchi precipitati..."globulini dove siete!?...su via tornate da me...siete importanti!";

  22. richiesta visita specialistica e prioritaria per indagini;


...sballottata sotto e sopra con adesivi fatti a bottoncino per ricevere gli elettrodi per l'ECG, la Signorina Wilson aveva visto il suo mondo stravolto.



Non era il caso di indugiare...i primi numerini sballati avrebbe dovuto considerarli di più...così adesso erano loro a non voler considerare lei...

La strada per la riappacificazione era aperta. Le nuove analisi, di cui ancora non conosceva l'esito, le avrebbero dato ragione...lo sentiva dentro di se.

4 commenti: